Prezzi dei servizi mobili

Prezzi 2011-2021

Secondo l’indice nazionale dei prezzi al consumo dell’Ufficio federale della statistica (UST), che misura l’andamento dei prezzi sulla base di un paniere contenente i beni di consumo e i servizi più importanti delle economie domestiche in Svizzera, tra il 2020 e il 2021 l’indice complessivo dei prezzi delle telecomunicazioni è diminuito dello 0,5%. Nell’ultimo anno l’indice della comunicazione attraverso la rete mobile è rimasto pressoché invariato (+0,1%).

Inoltre, il rilevamento dei prezzi della telefonia mobile nell’ambito dell’osservatorio statistico dell’UFCOM, che si basa sulle offerte più vantaggiose degli operatori di telefonia mobile sul mercato svizzero, mostra differenze significative.

Come l’anno scorso, l’offerta più economica di UPC (paniere piccolo e medio) o di Yallo (paniere grande) e quella più cara di Swisscom differiscono di un fattore compreso tra 2 e 2,5 per tutti i panieri.

Nel 2021 l’offerta più vantaggiosa per i piccoli consumatori era per meno di 10 franchi con UPC e di 25 franchi con Swisscom. Per i consumatori medi, l’offerta di UPC costava meno di 20 franchi, mentre quella di Swisscom 50 franchi. Infine, i grandi consumatori avevano a disposizione l’offerta più economica con Yallo (circa 25,60 franchi) e quella più cara con Swisscom (50,60 franchi), con un notevole calo di 15,50 franchi dal 2020 al 2021.


OECD Prezzi 2021
Fonte: Results from Teligen/OECD Mobile Voice and Data Price Benchmarking system. Copyright Strategy Analytics, UK

In un confronto internazionale, i prezzi della telefonia mobile per il paniere medio in Svizzera sono pur sempre tra i più alti, come lo confermano i panieri dei prezzi Teligen, pubblicati dalla società di ricerche di mercato Strategy Analytics e basati sui metodi dell’OCSE, che tengono conto dei prodotti più vantaggiosi commercializzati dai principali operatori di ogni Paese. Per i panieri piccolo e grande, invece, sono sotto la media dei Paesi OCSE, ma questo risultato deve essere ridimensionato.

Per la Svizzera, nella creazione dei panieri dei prezzi sono stati presi in considerazione i tre operatori di rete Salt, Sunrise e Swisscom nonché i fornitori minori UPC, Yallo e M-Budget. Tali panieri includono prodotti e opzioni del segmento prepagato e di quello in abbonamento. Per un paniere medio comprendente voce e dati, un utente medio in Svizzera (100 chiamate e 2 GB di dati) pagava circa 4 franchi al mese in più rispetto alla media dei Paesi OCSE (agosto 2021: 19,90 contro 16,20 fr.). Per quanto concerne l’offerta più economica, la Svizzera si posiziona al ventitreesimo posto e quindi al terzo tra i Paesi più cari.

I piccoli utenti (30 chiamate e 500 Mbit/s di dati) invece hanno pagato in Svizzera quasi 2,50 franchi in meno al mese rispetto alla media dei Paesi OCSE (9,90 contro 12,40 fr.); con la sua offerta più economica, la Svizzera è pur sempre al 15° posto.

Infine, i clienti svizzeri hanno pagato quasi 8 franchi in meno al mese per un grande paniere di beni (chiamate illimitate e 20 GB di dati) rispetto alla media dei Paesi OCSE (25,60 contro 33,20 fr.). La Svizzera si attesta ancora al 14° posto e quasi dieci Paesi offrono prodotti comparabili per meno di 20 franchi.

Ultima modifica 20.05.2022

Inizio pagina

https://www.comcom.admin.ch/content/comcom/it/home/dokumentation/zahlen-und-fakten/mobilfunkmarkt/mobilfunkpreise.html